BIENVENIDOS LUCAS PT.2

1. Qual è l’indirizzo che la palestra Orangym avrà nei prossimi 4 anni?

L’obiettivo è quello di porsi come centro di riferimento sul territorio.

Dal punto di vista professionale, è fondamentale che l’allievo che arriverà in palestra possa essere certo che in qualsiasi momento e in qualunque classe, l’istruttore incaricato non solo sarà altamente preparato, ma avrà anche un modo di lavorare specifico di Orangym (conoscenza, pratica, gentilezza e buona disposizione).

– Inoltre, i professionisti dell’attività fisica della zona troveranno Orangym come spazio per la formazione continua grazie all’area “formazione e qualificazione”.

– Infine, i medici della zona avranno la struttura come riferimento per i pazienti che hanno bisogno di migliorare la loro qualità di vita attraverso l’esercizio fisico.

2. Come vedi il potenziamento dell’area outdoor di Orangym?

Dalla mia esperienza il verde arriva a coronare un centro estremamente completo, con strutture di ottima qualità. Non conosco personalmente un altro centro con un’area così vasta all’interno della stesso impianto. Questa zona arricchirà Orangym e sarà in grado di attrarre tutte quelle persone che amano allenarsi all’aria aperta sempre!

3. In Orangym ci sarà uno spazio maggiore per i “Personal Training”?

Sicuramente si! Orangym è un impianto con obiettivi chiari: per raggiungerli abbiamo bisogno che ogni membro metta il meglio di sé. Ovviamente, perseguendo un obiettivo così promettente, incoraggeremo ciascuno di noi che fa parte della squadra a generare cose nuove, a crescere professionalmente e di conseguenza a responsabilizzarsi ed essere professionisti migliori. Abbiamo un nord ben segnato, e nessuno è al di sopra.

4. Sarebbe meglio prediligere sedute monotematiche (solo sala pesi / solo un certo tipo di corso) o una varietà tra le proposte?

In base agli obiettivi prefissati e ovviamente alle strutture di cui dispone Orangym, le possibilità di lavoro sono illimitate. Se sappiamo di cosa ha bisogno la persona e abbiamo le conoscenze necessarie, l’allievo potrà lavorare in palestra, nei corsi, nell’area verde, sempre con esercizi che puntano ai suoi obiettivi. Avendo strutture complete e professionali di alto livello, le possibilità di lavoro sono infinite e possono essere adattate individualmente alle preferenze dei partecipanti.

5. Secondo te, a partire da quale età, una persona potrebbe frequentare la palestra? Se fosse un adolescente, sarebbe meglio la sala per un monitoraggio più vicino o le lezioni proposte nei corsi?

Questo problema genera molta confusione e ci sono alcuni miti o credenze sbagliate: il bambino da quando corre, salta, gioca, sta già facendo forza, cioè il suo corpo è pronto ad esercitare forza (ovviamente adattata alla sua età) e lavorare non gli genererebbe nessun problema, al contrario, i benefici del lavoro forzato nei bambini oggi non vengono più discussi. L’adolescente può e deve allenare la forza, poiché si trova in una fase chiave di sviluppo, ed il corretto lavoro di questa capacità gli porterà benefici per il resto della sua vita. Soprattutto all’interno della sala pesi e con macchine (dove il movimento è guidato e più sicuro per le persone che lo effettuano) il controllo di questa fascia d’età è più facile; infine possono lavorare anche all’aperto purché sotto il controllo costante dell’istruttore incaricato.

6. C’è una priorità per l’accesso al mondo palestra tra il genere femminile e quello maschile?

Nonostante la palestra fosse anticamente associata al pubblico maschile, fortunatamente è sempre più comune trovarvi un vasto pubblico femminile, soprattutto per i benefici che l’allenamento della forza ha nelle donne, sia per la salute (principalmente a livello osseo) ma anche in termini di estetica, materia che, come l’allenamento della forza nei bambini, da tempo genera convinzioni negative ed errate. L’allenamento della forza è molto vantaggioso, purché individualizzato e adattato alle esigenze della persona, per bambini, adolescenti, adulti, anziani, donne, uomini e anche persone con diverse patologie (ipertensione, diabete di tipo 1 e 2, sovrappeso , osteoporosi…).

7. L’allenamento con un fine di dimagrimento è meglio se localizzato o globale? Quale dà il risultato migliore? (Esempio: vorrei snellire le gambe allora faccio solo allenamenti per la parte inferiore del corpo?)

Un altro argomento controverso, attualmente non ci sono prove di esercizio localizzato e grasso ossidante nella stessa area. Quello che si sa è che più l’attività è globale, più calorie vengono consumate. Sappiamo anche che l’allenamento della forza rilascia ormoni che promuovono la prima parte dell’ossidazione dei grassi, cioè il grasso immagazzinato viene rilasciato nel flusso sanguigno, facilitando la successiva ossidazione fino a quando viene eseguita l’attività aerobica. Cioè, l’allenamento combinato di forza e resistenza migliora gli obiettivi estetici. E infine, se miglioriamo la massa muscolare, aumenteremo il nostro dispendio metabolico basale, cioè il nostro corpo a riposo avrà bisogno di più energia per coprire le sue spese, e quell’energia arriva a scapito del grasso. Possiamo concludere che un allenamento per scopi estetici dovrebbe avere sia l’allenamento della forza che l’allenamento di resistenza correttamente ordinato e dosato.

8. Sudare è sinonimo di dimagrire? Dolore / bruciore è sinonimo di lavorare bene?

Siamo di fronte ad altri 2 grandi temi di cui si parla sempre tanto senza fondamento e per questo si sono generati tanti strani allenamenti come correre con il nylon o qualche elemento che aumenta la traspirazione in certe zone come la pancia, credendo che sia ottimo per la perdita di peso. Oggi è noto che ciò che perdiamo facendo quello è solo acqua e lungi dall’essere un beneficio, stiamo generando un rischio poiché non stiamo permettendo al meccanismo naturale di dispersione di calore dal corpo di agire. D’altra parte, allenarsi fino allo sfinimento o con una sensazione di bruciore / dolore è un altro metodo di allenamento della forza con un obiettivo strutturale (aumento di massa) cioè, per qualcuno che cerca di aumentare la propria massa muscolare può essere utile, ma per qualcuno che persegue altri obiettivi no. Dobbiamo mettere da parte la convinzione che per allenarsi si debba aver dolore, e che se non fa male non ci alleniamo bene, la forza può essere lavorata senza generare dolore o fatica.

9. Una donna in gravidanza, può frequentare la palestra? Se sì, con quale tipo di attività?

Oggi sono pochissime le categorie che non possono fare esercizio, purché sia adattato alla persona, alla situazione e alla condizione. Le donne incinte possono e devono allenare sia la forza che la resistenza e possono farlo senza alcun rischio fino all’ottavo mese di gravidanza. Un allenamento adattato avvantaggia sia durante la gravidanza che dopo il parto.

10. Si parla di attività motoria come prevenzione, ad esempio per l’osteoporosi o negli anziani: in che senso? La persona dovrebbe “sollevare pesi”?

È noto che l’allenamento della forza adattivo rallenti la normale perdita funzionale dell’invecchiamento. Con l’età si perde forza, massa muscolare e densità minerale ossea ed è proprio l’allenamento della forza, il sollevamento pesi, che genera uno stimolo che favorisce da un lato il miglioramento della BMD (densità minerale ossea) e dall’altro il guadagno di forza e massa muscolare (è noto che questo guadagno dall’allenamento possa avvenire per tutta la vita). Come conseguenza dell’allenamento, oltre a migliorare la forza e la BMD, le persone migliorano indirettamente le attività della vita quotidiana, sono più indipendenti e prevengono le cadute, che sono una delle principali cause di disabilità in questa popolazione (principalmente fratture dell’anca).

11. Per il trattamento correttivo come la scoliosi pensi sia meglio l’ambiente acquatico o terrestre? E per quello rieducativo come un post operatorio successivo ad infortunio o incidente?

In particolare non mi piace classificare come migliore o peggiore nessun metodo o risorsa, credo che ci siano momenti adatti e momenti non adatti per applicarli, a seconda dell’allievo, dell’infortunio, del tempo a disposizione e altri fattori. La piscina è un’ottima risorsa che permette di lavorare con ampiezza di movimento facilitata e con sovraccarico ridotto poiché non abbiamo la forza di gravità, ovvero se ho bisogno di mobilità e / o ripetere movimenti con sovraccarico diminuito è il metodo ideale; se allo stesso tempo avessi la possibilità di abbinarlo al lavoro di forza in palestra, questo migliorerebbe il raggiungimento degli obiettivi. Riassumendo, entrambe le metodologie concorrono a raggiungere gli obiettivi prefissati nelle diverse lesioni e / o patologie.

12. Ci sono dei falsi miti che devono essere assolutamente sfatati per non creare credenze errate? Se sì, quali?

Purtroppo non ce ne sono solo uno ma tanti, per citare i primi che mi vengono in mente:

-L’allenamento alla forza nei bambini fa male perché non permette loro di crescere.

-La donna che allena la forza si riempie rapidamente di muscoli.

-Gli anziani non dovrebbero allenare la forza e lavorare con sovraccarichi e pesi.

-Le donne dovrebbero lavorare con pochissimo peso e fare molte ripetizioni per tonificare.

-Ho bisogno di almeno 30 minuti di esercizio aerobico per iniziare a bruciare i grassi.

-Se faccio sport, dovrei evitare l’allenamento della forza in quanto mi “irrigidisce”.

Potremmo continuare così a lungo, fortunatamente ci sono sempre più informazioni disponibili e professionisti più preparati che non solo svolgono correttamente i programmi di formazione, ma hanno il compito di spiegare e comprovare la falsità di questi miti ai propri studenti e allievi.

 

Ulteriori informazioni:
orangym.nizza@gmail.com
tel. 0141.1766382